sto caricando

My best of 2017

Dicembre 14, 2017

“Una foto per me è bella quando ferma un momento simile a cento altri però unico,
e regala dignità e poesia a gesti e momenti ordinari.”

unione civile

Il 2017 sta per chiudersi.
Anche se numericamente questo non è stato un Buon Anno di servizi matrimoniali,  sono stati diversi quelli che mi hanno regalato belle soddisfazioni e spunti di riflessione.
Nel 2017 ho anche fatto il mio primo servizio fotografico di una unione civile per una coppia gay, che è stato uno dei migliori e più emozionanti che io abbia mai fatto.

Quest’anno ho capito con maggior consapevolezza cosa voglio dalla mia fotografia e anche cosa la caratterizza di più.
Ho inquadrato e messo a fuoco meglio (per usare una metafora fotografica) il tipo di scatto per cui sento maggiore predisposizione, e lo cerco e lo propongo senza ansie di approvazione.
Può sembrare strano questo dopo oltre 20 anni di attività come fotografo di matrimoni.
Ma il fotografo è un mestiere in continua evoluzione, perché alla base di esso c’è la sensibilità e la creatività, che crescono e cambiano nel tempo.
Quindi il modo di vedere le cose e di come le si vuole raccontare fotograficamente, inevitabilmente si evolve e modifica, continuamente.

Ho capito che per dare un valore aggiunto alle coppie e aver maggior gratificazione come fotografo, deve prevalere la mia visione personale rispetto alle “foto scontate” e a quelle da fare perché il cliente se lo aspetta.
Non mi sono mai accontentato di essere semplice esecutore del servizio fotografico, e oggi ancor di più, sono convinto che un buon fotografo di matrimonio deve essere un “autore”. Che si riconosce nel modo di scattare, nell’editing , e nell’impaginazione dell’album.
Lo scatto personale non arriva per caso, bisogna provocare o prevedere la situazione che porta alla buona foto,  e anche evitare quelle un po’ “ruffiane” o “spettacolarizzate” che risentono della moda del momento, ma che rischiano di essere poco coerenti col proprio stile di fotografia.

Per me è importante che la mia foto venga percepita come “vera”, che riesca a trasmettere qualcosa di intimo e di specifico di quella persona o coppia fotografata. Non è importante se la situazione è stata colta al volo oppure creata dalla relazione tra fotografo e soggetto, è importante che sia credibile e in questo senso “vera”.

Per me una foto è bella quando c’è un sapiente uso della luce e della composizione e si nota un grande “colpo d’occhio”.
Una foto è bella soprattutto quando trasmette emozioni. Quando fa piangere e quando suscita un sorriso.
 Quando è facile da capire e comunica subito una sensazione, un’emozione o un’informazione, senza bisogno di spiegare nulla.
Quando coglie l’insolito nel quotidiano.
Quando ferma un momento simile a cento altri però unico, e regala dignità e poesia a gesti e momenti ordinari.

Da queste considerazioni di fine anno, ho pensato di selezionare alcune delle mie migliori foto del 2017.
Tra tante ho scelte queste, perchè le sento personali e coerenti col mio concetto di bella fotografia.
Una fotografia che non cerca di suscitare un “wow”, ma esprime coinvolgimento ed empatia col soggetto.
Insomma… una foto “semplice e vera”, capace di emozionare.

Roberto Fusco
14/12/17

0001 kronos - _LOR9622 copia 0003 kronos - _LOR7572 0004 kronos - _LOR5339-2 0005 kronos - _LOR8375 0006 kronos - _LOR8507 0007 kronos - 0028 kronos - _LOR7918 0008 kronos - _ROB9048 0009 kronos - _LOR5600 0010 kronos - _LOR5660 0011 kronos - _LOR4489 0012 kronos - _LOR8733 0013 kronos - _LOR5721 0014 kronos - _ROB5755 0015 kronos - _ROB6684 0016 kronos - _ROB7823 0017 kronos - _LOR1863 0018 kronos - 0054 kronos - _LOR8136 0019 kronos - _LOR8097 0020 kronos - _LOR0286 0021 kronos - _LOR0372 0022 kronos - _ROB0083 0023 kronos - _ROB0202 0024 kronos - _LOR0855 copia 0025 kronos - _LOR0941 0026 kronos - _LOR0953-2 0027 kronos - _LOR2195 0028 kronos - _LOR2129

0020 kronos - _LOR3658

0029 kronos - _ROB0226

 

  • Leave a comment

error: Contenuto protetto